Meta (Facebook / Instagram) passa all'approccio "Paga per i tuoi diritti"

Ott 03, 2023

Meta (Facebook / Instagram) passa a un approccio "Pay for your Rights" (paga per i tuoi diritti)

Il Wall Street Journal ha riferito che Meta intende passare a un modello "Pay for your Rights", in base al quale gli utenti dell'UE dovranno pagare 168 dollari all'anno (160 euro all'anno) se non accettano di rinunciare al loro diritto fondamentale alla privacy su piattaforme come Instagram e Facebook. La storia ha dimostrato che l'autorità di regolamentazione di Meta, il DPC irlandese, probabilmente accetterà qualsiasi modo in cui Meta possa aggirare il GDPR. Tuttavia, l'azienda potrebbe anche utilizzare sei parole di una recente sentenza della Corte di Giustizia (CJEU) per sostenere il suo approccio.

Pagare per i propri diritti. Per godere dei vostri diritti fondamentali ai sensi del diritto dell'UE, Meta vi propone di pagare 14 dollari al mese, o ben 168 dollari (160 euro) all'anno. Questa mossa fa seguito al successo della causa intentata da noyb, in cui l'EDPB ha dichiarato illegale il precedente "bypass del consenso" di Meta. La CGUE ha poi confermato il parere dell'EDPB nella causa C-252/21 Bundeskartellamt. Ciò significa che l'uso dei dati personali da parte di Meta è illegale nell'UE, almeno tra il 2018 e il 2023.

Max Schrems:"I diritti fondamentali non possono essere in vendita. Pagheremo anche il diritto di voto o il diritto alla libertà di parola? Ciò significherebbe che solo i ricchi possono godere di questi diritti, in un momento in cui molte persone faticano ad arrivare a fine mese. Introdurre questa idea nell'ambito del diritto alla protezione dei dati è un cambiamento importante. Ci opporremo in tutti i tribunali"

6 parole di un "obiter dictum" della CGUE. Per il suo approccio, Meta sembra basarsi su sei parole di una sentenza di 18.548 parole dell'inizio di quest'anno, che ha ritenuto illegale l'approccio di Meta al GDPR dal 2018. Sebbene la sentenza abbia costantemente stabilito che tutti gli attuali approcci di Meta per avere una "base giuridica" per il trattamento ai sensi dell'articolo 6 del GDPR sono illegali, al paragrafo 150 della sentenza è stata inserita una piccola frase che afferma che deve esistere un'alternativa agli annunci"se necessario, dietro pagamento di un compenso adeguato". Sembra che Meta si stia ora basando su queste sei parole della sentenza per introdurre una tassa di 160 euro all'anno se gli utenti non vogliono acconsentire allo sfruttamento dei loro dati personali. Queste sei parole sono un cosiddetto "obiter dictum", una considerazione aggiuntiva da parte di un tribunale che non è direttamente correlata al caso e di solito non è vincolante. In generale, solo le "conclusioni" delle sentenze della CGUE sono vincolanti. Non è quindi chiaro se la CGUE si atterrà a queste sei parole quando il nuovo approccio di Meta raggiungerà la CGUE.

Max Schrems:"La CGUE ha detto che l'alternativa agli annunci deve essere 'necessaria' e il compenso deve essere 'adeguato'. Non credo che 160 euro all'anno siano ciò che avevano in mente. Queste sei parole sono anche un "obiter dictum", un elemento non vincolante che è andato oltre il caso centrale sottoposto alla CGUE. Per Meta questa non è la giurisprudenza più stabile e ci batteremo chiaramente contro questo approccio"

Il giornalismo ha aperto la porta alle Big Tech? L'idea di un approccio "Pay or Okay" è stata sviluppata per la prima volta dal giornale liberale austriaco "Der Standard". Offriva agli utenti la possibilità di acconsentire al trattamento dei dati personali per la pubblicità o di pagare una tassa di 8,90 euro al mese. Il tutto per un totale di 107 euro all'anno. Sembra che le autorità preposte alla protezione dei dati (prima in Austria, poi in Germania e ora anche in Francia) abbiano visto in questo approccio un'opzione per sostenere i siti web giornalistici che stavano soffrendo per la perdita di introiti pubblicitari a favore di grandi piattaforme tecnologiche come Google o Meta. Tuttavia, sembra che almeno Meta stia pensando di adottare questo approccio. Il GDPR non prevede regole diverse per le aziende del settore dei media quando si tratta di consenso, che consentirebbe di riservare "Pay or Okay" solo a loro.

Max Schrems:"Abbiamo visto che le autorità di regolamentazione hanno permesso ai modelli "Pay or Okay" di sostenere il giornalismo in tempi in cui le entrate pubblicitarie venivano risucchiate da Google, Meta e simili. Ora questa scappatoia viene utilizzata dalle Big Tech"

Related articles

Recent articles