L'Alta Corte irlandese permette alla Judicial Review di fermare i trasferimenti UE-USA di Facebook

Ott 12, 2020

L'Alta Corte irlandese consente il controllo giurisdizionale volto a fermare i trasferimenti di dati UE-USA di Facebook

L'Alta Corte irlandese ha concesso oggi un permesso per un "Judicial Review" contro la Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC). L'azione legale di noyb mira ad attuare rapidamente la decisione della Corte di giustizia europea che vieta i dati UE-USA di Facebook.

7 anni e 5 sentenze, ma nessuna decisione del DPC. Nel 2013 Schrems ha presentato una denuncia contro la sede europea di Facebook per aver condiviso illegalmente i suoi dati personali con Facebook negli Stati Uniti alla luce delle leggi statunitensi sulla sorveglianza di massa come la FISA702. Dopo sette anni e cinque sentenze in materia sono stati fatti pochi progressi nel caso originale, nonostante due sentenze del primo tribunale europeo che hanno invalidato il "Safe Harbor" e il "Privacy Shield". Invece di prendere una decisione definitiva, il DPC irlandese ha sospeso la procedura di reclamo il mese scorso per un tempo indefinito.

Seconda procedura aperta e in stallo. Invece di prendere una decisione nella procedura pendente, il DPC ha avviato una seconda, nuova indagine sullo stesso argomento ("Parallel Procedure"), come ampiamente riportato(si veda il rapporto originale del WSJ). Non sono state fornite motivazioni logiche per la procedura parallela, ma il RPD ha sostenuto che il sig. Schrems non sarà ascoltato in questo secondo caso, in quanto non è parte di questa procedura parallela. Questa procedura parallela era criticato da Facebook pubblicamente(link) e immediatamente bloccato da una revisione giudiziaria da parte di Facebook(si veda il rapporto di Reuters)

L'odierna Judicial Review di noyb è per molti versi la controparte della Judicial Review di Facebook: Mentre Facebook vuole bloccare la seconda procedura da parte del DPC, noyb vuole spostare la procedura di reclamo originale verso una decisione.

Max Schrems, presidente di noyb.eu: "Il DPC ha aperto un secondo caso, basta eliminare il querelante dal primo caso. Ora questo secondo caso è stato bloccato da una causa di Facebook nel giro di settimane. Si è trattato di una completa cattiva gestione procedurale da parte del regolatore irlandese. Ora stiamo cercando di avviare la procedura originale a partire dal 2013 per ottenere finalmente una decisione del DPC dopo sette anni e cinque sentenze che hanno confermato la nostra posizione"

Il DPC ha violato la legge irlandese e quella dell'UE in diversi modi Nel 2015 il CDC si è impegnato con l'Alta Corte irlandese a completare l'indagine con "tutta la dovuta diligenza e rapidità". Cinque anni dopo, il DPC non solo non ha ancora preso una decisione, ma ha anche interrotto la procedura di reclamo a tempo indeterminato.

Inoltre, i documenti emersi nelle ultime settimane suggeriscono che Facebook ha utilizzato una base giuridica diversa dal Privacy Shield e dalle "Standard Contractual Clauses" (SCC) per trasferire dati dall'UE agli Stati Uniti e ne ha informato il DPC nel 2016. Il DPC ha tuttavia dichiarato pubblicamente che gli SCC sono stati il mezzo principale per tali trasferimenti.

Max Schrems: "I documenti che abbiamo ricevuto suggeriscono che sette anni di procedure ed entrambi i ricorsi alla Corte di giustizia europea erano largamente irrilevanti per il caso dinanzi al DPC.Il RPD ha nascosto questi documenti ai tribunali e a noi - nonostante il nostro diritto di ricevere tutti i fascicoli di una causa. Chiediamo quindi all'Alta Corte di chiarire che tutti i documenti devono essere messi sul tavolo, che tutte le parti siano ascoltate correttamente e che sia poi presa una rapida decisione"

Udienza entro la fine dell'anno Poiché l'Alta Corte ha permesso che il Riesame Giudiziario proceda, i documenti pertinenti da parte del DPC saranno depositati e sarà fissata una data per l'udienza. Si prevede che l'udienza si terrà verso la fine dell'anno.

Max Schrems: "Il RPD ha già promesso alla Corte nel 2015 di decidere rapidamente. Sembra che abbiamo bisogno di una sentenza chiara per costringere il CED a fare il suo lavoro"

Ulteriori antefatti: