noyb presenta un reclamo GDPR contro Meta per "Pay or Okay"

Nov 28, 2023

noyb presenta un reclamo GDPR contro Meta per "Pay or Ok

Oggi noyb ha presentato un reclamo contro Meta presso l'autorità austriaca per la protezione dei dati. Gli utenti europei possono ora "scegliere" se acconsentire a essere tracciati per la pubblicità personalizzata o pagare fino a 251,88 euro all'anno per mantenere il loro diritto fondamentale alla protezione dei dati su Instagram e Facebook. Non solo il costo è inaccettabile, ma i numeri del settore indicano che solo il 3% delle persone vuole essere tracciato, mentre oltre il 99% decide di non pagare quando si trova di fronte a una "tassa sulla privacy". Se Meta riesce a farla franca, i concorrenti seguiranno presto le sue orme. Considerando che su un telefono medio sono installate 35 applicazioni, mantenere la privacy potrebbe presto costare circa 8.815 euro all'anno.

Un altro tentativo di aggirare le leggi sulla privacy dell'UE. La Corte di giustizia europea (CJEU) ha stabilito a luglio che il trattamento dei dati degli utenti da parte di Meta per gli annunci personalizzati è illegale. Ma non solo: A gennaio, il Consiglio europeo per la protezione dei dati ha multato Meta per 390 milioni di euro per questa violazione e ha ordinato all'azienda di ottenere il consenso degli utenti, sulla base di unreclamo della Noyb del 2018. Nel suo prossimo tentativo di minare il diritto dell'UE, Meta vuole ora far pagare gli utenti che scelgono un'impostazione favorevole alla privacy. Dall'inizio di novembre, gli utenti di Instagram e Facebook hanno dovuto scegliere se pagare fino a 251,88 euro all'anno o se far sorvegliare i propri dati personali per la pubblicità mirata.

un consenso "liberamente dato" a caro prezzo? Secondo la legge dell'UE, il consenso al tracciamento online e alla pubblicità personalizzata è valido solo se è "liberamente dato". Questo per garantire che gli utenti rinuncino al loro diritto fondamentale alla privacy solo se sono veramente liberi di farlo. Meta ha ora messo in atto l'esatto contrario di una scelta veramente libera: Solo Facebook introdurrà una "tassa sulla privacy" fino a 12,99 euro al mese se gli utenti non acconsentono al trattamento dei loro dati personali per la pubblicità mirata. Ogni account collegato (come Instagram) costerà altri 8 euro, per un totale di 251,88 euro all'anno per una persona che utilizza Instagram e Facebook. A titolo di confronto: Meta afferma che il suo fatturato medio per utente in Europa tra il terzo trimestre del 2022 e il terzo trimestre del 2023 è stato di 16,79 dollari. Ciò equivale a un ricavo annuo di soli 62,88 euro per utente e rende il canone mensile decisamente sproporzionato.

Felix Mikolasch, avvocato specializzato in protezione dei dati presso noyb: "Il diritto dell'Unione Europea prevede che il consenso sia frutto della libera volontà dell'utente. In contrasto con questa legge, Meta fa pagare una "tassa sulla privacy" fino a 250 euro all'anno se qualcuno osa esercitare il proprio diritto fondamentale alla protezione dei dati"

il 3-10% vuole annunci personalizzati, ma il 99,9% acconsente. Tutte le ricerche scientifiche disponibili suggeriscono che i cosiddetti sistemi "Pay or Okay" sono l'antitesi del libero consenso e influenzano fondamentalmente il "libero arbitrio" degli utenti. Ad esempio, l'amministratore delegato del provider "Pay or Okay" contentpass ha dichiarato che il 99,9% dei visitatori acconsente al tracciamento quando si trova di fronte a una tariffa di 1,99 euro. Allo stesso tempo, indagini obiettive suggeriscono che solo il 3-10% degli utenti desidera che i propri dati personali vengano utilizzati per la pubblicità mirata.

Max Schrems, presidente di noyb: "Quando il 3% delle persone vuole effettivamente nuotare, ma il 99,9% finisce in acqua, ogni bambino sa che non è stata una scelta "libera". Non è né intelligente né legale - è semplicemente pietoso come Meta continui a ignorare il diritto dell'UE"

La protezione dei dati potrebbe presto costare 35.000 euro a famiglia. Se Meta riuscirà a difendere questo nuovo approccio, è probabile che si scateni un effetto domino. Già ora, TikTok starebbe testando un abbonamento senza pubblicità al di fuori degli Stati Uniti. Altri fornitori di app potrebbero seguirli nel prossimo futuro, rendendo la privacy online inaccessibile. Secondo Google, una persona media ha 35 app installate sul proprio smartphone. Se tutte queste app seguissero l'esempio di Meta e applicassero una tariffa simile, le persone dovrebbero pagare una "tassa sui diritti fondamentali" di 8.815,80 euro all'anno. Per una famiglia di quattro persone, il prezzo della privacy dei dati salirebbe a 35.263,20 euro all'anno, più del reddito medio a tempo pieno nell'UE. Ovviamente, queste cifre diventano ancora più estreme negli Stati membri dell'UE con redditi medi più bassi.

Max Schrems: "I diritti fondamentali sono solitamente accessibili a tutti. Quante persone eserciterebbero ancora il diritto di voto se dovessero pagare 250 euro per farlo? Un tempo i diritti fondamentali erano riservati ai ricchi. Sembra che Meta voglia riportarci indietro di oltre cento anni"

Privacy solo per i ricchi. Se da un lato questo prezzo è estremamente alto in generale, dall'altro ignora completamente i livelli di reddito molto diversi nei Paesi dell'UE - e il fatto che il 21,6% della popolazione europea è a rischio di povertà o esclusione sociale. Il denunciante in questo caso, ad esempio, si trova in difficoltà finanziarie e riceve un sussidio di disoccupazione. Non può permettersi di pagare altri 250 euro all'anno, quando già fatica a pagare l'affitto.

Max Schrems: "Oltre il 20% della popolazione dell'UE è già a rischio di povertà. Per il denunciante del nostro caso, come per molti altri, un sistema 'Pay or Okay' significherebbe pagare l'affitto o avere la privacy"

La DPA dovrebbe avviare una procedura d'urgenza. Data la gravità delle violazioni e il numero insolitamente alto di utenti interessati, noyb esorta l'autorità austriaca per la protezione dei dati ad avviare una procedura d'urgenza per fermare il trattamento illegale. Inoltre, noyb suggerisce che l'autorità imponga una multa dissuasiva, per assicurarsi che nessun'altra azienda inizi a copiare l'approccio di Meta.

Related articles

Recent articles