Il giudice di Vienna pronuncia il "non-giudizio" nel caso Facebook

Lug 01, 2020

Ieri sera un giudice del Tribunale regionale di Vienna ha emesso una sentenza scritta (PDF, tedesco) in una lunga causa civile su Facebook. Nonostante il fatto di riassumere i fatti dettagliati sull'uso illegale dei dati di Facebook, non è stata intrapresa alcuna analisi o decisione reale sulle argomentazioni legali. Nella "sentenza" di 39 pagine ci sono solo 19 brevi frasi sulla legge sulla protezione dei dati. A quanto pare il giudice ha voluto lasciare queste questioni alle Corti superiori. Schrems: "Sono contento che dopo 6 anni abbiamo finalmente finito con questo giudice in particolare e possiamo passare ai tribunali che sono disposti a chiarire queste importanti questioni legali"

Protezione dei dati? Questo è qualcosa per i tribunali superiori! Il GDPR non è il più facile da leggere. Probabilmente è quello che pensava anche il giudice del Tribunale regionale per le questioni civili ("Landesgericht für Zivilrechtssachen") di Vienna. Già durante l'udienza orale il giudice ha annunciato di voler concentrare il suo lavoro sui fatti del caso, perché la valutazione legale se Facebook è conforme o meno al GDPR finirà comunque in tribunali superiori. Nell'ordinamento giuridico austriaco, tuttavia, i fatti non vengono quasi mai riesaminati dai tribunali superiori. Ora è stata emessa la "decisione" (PDF, tedesco). Pur contenendo 36 pagine di riassunto dettagliato dei fatti, ci sono solo due pagine buone di analisi proforma del GDPR. Si tratta di una sentenza solo di nome.

Max Schrems, presidente onorario di noyb.eu: "Il giudice ha già detto durante l'udienza che si sta concentrando sui fatti perché le questioni giuridiche spinose saranno comunque chiarite dai tribunali superiori. La decisione è comunque un po' grottesca: l'elaborazione illegale dei dati di Facebook è descritta su 36 pagine - ma in 19 sentenze quasi tutti i punti di diritto vengono respinti senza una vera e propria analisi. Sono stati concessi solo l'accesso completo ai miei dati personali e 500 euro di danni simbolici. Il giudice ovviamente non ha voluto affrontare tutte le questioni spinose se l'uso dei dati personali da parte di Facebooks sia effettivamente legale ai sensi del GDPR"

Il giudice si è già dichiarato "non competente" due volte. Dal 2014 è in corso a Vienna la causa civile tra Max Schrems e Facebook. Facebook ha cercato di bloccare più volte la causa. Sulla base di questi tentativi, lo stesso giudice si era già dichiarato "non competente" due volte in precedenza, il che è stato rivisto ogni volta dalla Corte suprema austriaca e una volta ha persino portato a un rinvio alla CGUE. Il giudice doveva ora condurre effettivamente il procedimento (in una terza fase del procedimento). Gli infiniti tentativi di bloccare il caso hanno richiesto diversi anni e hanno comportato costi significativi.

Schrems: "Come cittadino medio, non ci si può permettere di partecipare a queste lotte, né si hanno i nervi saldi per insistere sui propri diritti per così tanto tempo. In questo momento abbiamo il diritto alla privacy sulla carta, ma se qualcuno intenta una causa, i responsabili delle decisioni spesso passano il caso perché non vogliono occuparsene. Ad essere onesti, sono contento che non abbiamo più a che fare con questo particolare giudice locale"

19 sentenze che sollevano dubbi. Tuttavia, le 19 sentenze in cui la sentenza "analizza" la complicità di Facebook con il GDPR (le pagine finali) sono piene di assurdità: Facebook non viola il GDPR perché gli utenti hanno stipulato un "accordo di elaborazione dati". Se non vogliono che Facebook abusi dei loro dati, gli utenti dovrebbero semplicemente lasciare la piattaforma. Nel caso di dati "sensibili" relativi agli interessi politici o all'orientamento sessuale, la sentenza sostiene semplicemente che l'interesse per un partito politico o per uno dello stesso sesso non implica necessariamente un conflitto politico o un orientamento sessuale.

Schrems: "Le poche parti in cui la sentenza tenta di analizzare il GDPR probabilmente spiegano perché questo era limitato a 19 frasi. Gli esperti di protezione dei dati probabilmente ridono solo di questi risultati. Queste poche frasi affronteranno la stessa realtà delle due sentenze precedenti: I tribunali superiori le ribalteranno in un batter d'occhio"

La sentenza sarà impugnata. Poiché la sentenza stabilisce anche che Facebook deve rilasciare tutti i dati del ricorrente e pagare un risarcimento simbolico di 500 euro, si presume attualmente che entrambe le parti appelleranno il caso al tribunale regionale superiore di Vienna ("Oberlandesgericht Wien"). Il signor Schrems presenterà sicuramente un ricorso entro il termine di quattro settimane.

Schrems: "Dopo sei anni davanti a questo giudice piuttosto 'particolare' del tribunale locale, stiamo finalmente arrivando alle Corti superiori dove possiamo chiarire questioni veramente importanti in materia di PILR. Non è improbabile che avremo anche alcune questioni da sottoporre alla Corte di giustizia europea". Questo significherebbe che Facebook non può più applicare le sue bizzarre interpretazioni del GDPR, ma deve garantire agli utenti di tutta Europa tutti i diritti previsti dal GDPR".