DPC "impone" a noyb di togliere i documenti dal sito web

Ott 15, 2021

La DPC ha inviato una "take down request" a noyb, dopo aver pubblicato un problematico progetto di decisione che spoglia gli utenti di Facebook dei loro diritti secondo il GDPR.

Ieri sera, la Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) ha inviato una lettera straordinaria (PDF) a noyb, dicendo che avrebbe"richiesto [noyb] di rimuovere la bozza di decisione dal vostro sito web immediatamente, e di desistere da qualsiasi ulteriore o altra pubblicazione o divulgazione della stessa". noyb rifiuta il suggerimento che si auto-censura e limita l'accesso del pubblico alle decisioni problematiche. Invece noyb ha invitato il DPC a intentare un'azione legale davanti al tribunale competente in Austria, invece di inviare lettere che hanno lo scopo di intimidire i denuncianti.

Legge austriaca applicabile. noyb rappresenta un soggetto di dati davanti all'autorità austriaca per la protezione dei dati (DPA) ed è quindi soggetto al § 17 della legge austriaca sulle procedure amministrative (AVG) che non prevede alcuna limitazione per quanto riguarda l'uso dei documenti, che è stato confermato dalla DPA austriaca più volte.

Nessun "impegno". Nella sua lettera, il DPC cita selettivamente vari scambi in cui il DPC ha insistito che i documenti sarebbero stati confidenziali. Tutti gli scambi pertinenti evidenziano che noyb non accetta questa posizione, ma che per il bene di una cooperazione senza problemi tra il DPC e la DPA austriaca si asterrà di fatto dal pubblicare i documenti pertinenti durante l'indagine. Contrariamente ai suggerimenti nella lettera del DPC, noyb non ha mai dato alcun impegno o assicurazione di non utilizzare questi documenti.

Max Schrems, presidente di noyb:"Il DPC sa che non c'è nessuna base legale per chiedere che noi tratteniamo i documenti rilevanti dal pubblico. Invece ora citano lettere che sono in parte vecchie di più di due anni. Se queste lettere vengono lette per intero, tutte confermano che abbiamo sempre rifiutato qualsiasi suggerimento che non possiamo pubblicare questi documenti"

Rapporto problematico con la trasparenza e la critica. Il DPC ha una politica di lunga data per limitare l'impegno pubblico e la trasparenza. Fa regolarmente affidamento su un'ampia esenzione dalla legge irlandese sulla libertà d'informazione, richiede accordi di "non divulgazione" alle parti nelle procedure, ha chiesto al Parlamento europeo di cambiare persino le sue procedure quando ha assunto Helen Dixon per limitare le critiche e gestisce un dipartimento di pubbliche relazioni molto stretto che limita le interviste dei giornalisti critici.

Schrems:"Questa lettera fa parte di un approccio generale del CPS per soffocare le critiche. Il DPC richiede regolarmente vari accordi di 'non divulgazione' ai denuncianti e chiede persino ai giornalisti di far approvare in anticipo le domande. Nel complesso il DPC vuole controllare ogni elemento di dominio pubblico, il che è inaudito in una società democratica"

la posizione dinoyb è chiara. Il ruolo dinoyb ai sensi dell'articolo 80 GDPR è quello di impegnarsi con le autorità e seguire lo sviluppo del GDPR. Questo può includere la pubblicazione di decisioni che sono rilevanti per il pubblico, se consentito dalla legge. Infatti, molte DPA europee pubblicano attivamente le decisioni stesse nel tentativo di essere trasparenti e informare il pubblico.

Schrems: "Abbiamo un rapporto molto positivo con le autorità, anche quando ci sono opinioni diverse. È normale in una società democratica che gli attori della società civile mettano a volte in discussione le decisioni delle autorità. Il DPC è l'unico ente pubblico che ho incontrato che non può accettare tali critiche e fa sforzi estremi per mettere a tacere il dibattito pubblico"