Altri banner di biscotti per andare: Seconda ondata di reclami in corso

Mar 04, 2022

Molti altri Cookie Banner in arrivo: Seconda ondata di reclami in corso

Questa settimana, noyb ha lanciato il secondo round della sua azione contro i banner ingannevoli dei cookiedopo un primo lotto nel maggio 2021Un altro 270 progetti di reclamo sono stati inviati a operatori di siti web i cui banner non sono conformi al GPDR noyboffre linee guida per aziende su come conformarsi e solo depositaresgDPR formale reclami contro coloro che rimangononon conformi dopo un 60 giorni periodo di grazia. La prima ondata ha già dimostrato di essere successo: Come reazione al nostro primo lottonel 2021, sempre più siti web hanno implementatoed banner conformi. In un ovvio effetto "spill over", anche i siti web che non erano presi di mira da noyb sono cambiati in meglio.

>>> Screenshot di siti web che hanno migliorato i loro banner

Gli utenti di Internet soffrono di design ingannevoli Il GDPR è stato pensato per garantire che gli utenti abbiano il pieno controllo sui loro dati, ma essere online è diventata un'esperienza frustrante per le persone in Europa. Banner fastidiosi, progettatiper rendere estremamente complicato il rifiuto dei cookie, appaiono in tutto il web. Nei loro banner, le aziende usano i cosiddetti "dark-pattern" per indurre più del 90% degli utenti a cliccare sul pulsante "accetta", mentre le statistiche del settore mostrano che solo il 3% vuole effettivamente accettare.

Molti utenti di internet scambiano questa fastidiosa situazione come un risultato diretto del GDPR, quando in realtà le aziende usano design ingannevoli che violano la legge. Il GDPR richiede un semplice "sì" o "no", tutto qui. - Ala Krinickytė, Avvocato per la protezione dei dati presso noyb

noyb obiettivi di cooperazioneIlnoyb esamina ogni sito web, mentre il sistema genera automaticamente un reclamo GDPR. Le aziende ricevono quindi una bozza di reclamo informale, un guida passo dopo passo (PDF) su come adattare le impostazioni del loro software e 60 giorni per conformarsi. Solo se scelgono di non conformarsi completamente conformarsi, noyb presenterà una denuncia all'autorità competente, che può emettere una multa fino a 20 milioni di euro. Ulteriori dettagli possono essere trovati nella sezione FAQ sulla nostra piattaforma.

"Vogliamo garantire la conformità, idealmente senza presentare casi. Se però un'azienda continua a violare la legge, siamo pronti a far rispettare i diritti degli utenti." - Max Schrems, Presidente di noyb

Meno violazioni dopo il primo turno Nel primo turno, il 42% di tutte le violazioni sono state sanate entro 30 giorni. Tuttavia, l'82% di tutte le aziende non ha rispettato completamente e noyb ha dovuto presentare un totale di 456 reclami con 20 diverse autorità per la protezione dei dati (DPA). Il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) ha successivamente lanciato una speciale taskforce per coordinare le loro risposte e perorala maggior parte delle DPA ha confermato la ricezione dei reclami. Alcune aziende hanno migliorato i loro banner nel corso delle procedure e noyb ha persino ritirato tre reclami in casi in cui i banner sono stati portati in piena conformità dopo il deposito

"Nonostante abbiamo visto alcuni miglioramenti nel design dei banner, sarà necessario più lavoro per trasformare anche le aziende persistentemente non conformi" - Ala Krinickytė, Avvocato per la protezione dei dati presso noyb

Molti siti web hanno cambiato il loro design Molti dei siti web che sono stati contattati da noyb hanno già adattato il loro design a un approccio "sì/no". Questo include Nikon, Domino's Pizza e Unilever. Puoi vedere alcuni esempi prima/dopo qui sotto.

effetto "Spill Over" su altri siti web. Lavorando alla seconda tornata di reclami, noyb si è resa conto che i siti web precedentemente scansionati hanno migliorato la loro conformità al GDPR, una volta archiviata la prima tornata - anche quando non erano stati contattati da noyb. La mossa è stata così immensa, che noyb ha dovuto scansionare di nuovo tutti i siti web per trovare le violazioni rimanenti. Questo potrebbe essere stato basato su campagne di informazione da parte dei fornitori di software di banner per cookie, che hanno informato le aziende sull'applicazione in corso. Nella teoria legale, l'applicazione non dovrebbe solo portare al cambiamento del comportamento di un individuo, ma anche alla "deterrenza" generale. Questo è esattamente quello che è successo qui.

"Abbiamo visto un chiaro effetto 'spill over'. Molti siti web che non abbiamo ancora contattato hanno rapidamente migliorato le loro impostazioni, una volta che abbiamo iniziato a presentare le denunce. Questo significa che il nostro approccio stava garantendo la conformità al di là dei singoli casi." - Ala Krinickytė, Avvocato per la protezione dei dati a noyb

Altri giri in preparazione Nei prossimi mesi, noyb continuerà a seguire il suo obiettivo di sbarazzarsi dei banner ingannevoli dei cookie e scansionare, rivedere, avvertire e far rispettare la legge su fino a 10.000 siti web noyb estenderà la sua portata anche alle pagine che utilizzano altre piattaforme di gestione del consenso (CMP) oltre a OneTrustcome ad esempio TrustArc, Cookiebot, Usercentrics, Quantcast ecc. che attualmente non possono essere rilevati dal software.