La telecamera nel soggiorno: la privacy nei sistemi di videoconferenza

Apr 02, 2020

Lo scoppio della pandemia di SARS-CoV-2 ha costretto molte persone a lavorare da casa. Gli strumenti di videoconferenza e altri mezzi di comunicazione remoti rendono possibile tutto questo, trasformando le nostre case in uffici. Ci aiutano anche a rimanere in contatto con amici e familiari, indipendentemente da dove si trovino

Gli strumenti di videoconferenza aprono letteralmente una lente nelle nostre case. La sfera personale e quella professionale si stanno sempre più fondendo. Telefoniamo ai nostri genitori e ai nostri figli, discutiamo di strategia aziendale con i nostri colleghi, e magari ci rilassiamo con la nostra insegnante di yoga dopo il lavoro, seguendo il suo flusso davanti al nostro schermo.

Pur apprezzando il modo in cui i fornitori di strumenti di videoconferenza facilitano tutto questo, l'intimità che consentono richiede uno sguardo altrettanto intimo sulla loro conformità alla normativa UE sulla protezione dei dati. Abbiamo ingrandito le politiche sulla privacy di sei strumenti: Zoom, Riunioni Webex (Cisco), Riunioni (LogMeIn), Skype e Team (entrambi Microsoft) e Wire.

Mentre la qualità video degli strumenti analizzati può essere spesso cristallina e le interfacce utente ben studiate, le politiche sulla privacy dei fornitori di servizi non soddisfano questo standard. La statica sotto forma di "può" o "potrebbe", "come necessario" o "come richiesto dalla legge" offusca l'immagine. A volte mancano intere parti, come le informazioni sui diritti fondamentali GDPR. Infine, una struttura carente rende difficile l'accesso alle informazioni disponibili

I fornitori di videoconferenze devono lavorare per soddisfare i loro obblighi di informazione ai sensi del GDPR

Leggi il rapporto completo qui

Aggiornamento (13 aprile 2020) abbiamo rivisto la valutazione da rosso a giallo per Zoom per l'elemento "Destinatari o categorie di destinatari dei dati personali".

Uploads