L'Alta Corte irlandese: Revisione Giudiziaria contro il DPC ammesso

Set 14, 2020

Oggi alle 15:00 BST (16:00 CET) circa, l'Alta Corte irlandese ha concesso a Facebook il permesso di presentare un ricorso giudiziario contro il DPC (caso n. 2020/617 JR) e ha sospeso una nuova procedura "ex officio" del DPC nei flussi di dati UE-USA.

Per ora Facebook è riuscita a fermare l'indagine del DPC sui flussi di dati UE-USA, che non sono legali in base a uno strumento chiamato "Standard Contractual Clauses" (SCC). Il 16 giugno 2020 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea (CGUE) ha stabilito che aziende come Facebook non possono fare affidamento sulle SCC se ricadono sotto le leggi di sorveglianza di massa statunitensi come la FISA 702. Il DPC può intervenire contro la sospensione dell'indagine entro un periodo di preavviso di 72 ore.

La settimana scorsa il Wall Street Journal ha riferito che Facebook ha ricevuto dal DPC una "decisione preliminare" confidenziale in materia.


Controllo Giudiziario

La revisione giudiziaria consente alle parti di far riesaminare ai tribunali un procedimento in corso, anche prima di una decisione definitiva. Facebook ha presentato un reclamo ai tribunali a poche settimane da una nuova indagine "ex officio" del DPC sui flussi di dati UE-USA di Facebook. Questo nuovo caso è finalizzato all'utilizzo di SCC e limitato a tali flussi di dati - ignorando completamente il fatto che Facebook ha già annunciato di affidarsi a un diverso strumento di trasferimento per i trasferimenti di dati UE-USA. Il DPC ha previsto di deferire questo caso al meccanismo europeo di coerenza di tutte le autorità di protezione dei dati dei 27 Stati membri entro 42 giorni. Questa tempistica non è più realizzabile.

A sostegno della domanda, Facebook ha sostenuto che una "bozza di decisione" del 28 agosto 2020 che si trovava all'inizio della procedura ha anticipato l'esito della procedura e che tre settimane per rispondere non sono sufficienti per il gigante dei social media. Facebook ha dichiarato di essere stato informato della tempistica, in occasione della revisione delle lettere del DPC a noyb, che noyb ha pubblicato sul suo sito web. Facebook ha anche sostenuto che sarebbe "ingiusto" che il DPC si rivolgesse solo a Facebook e non anche ad altre società informatiche che esternalizzano i dati dall'Irlanda agli Stati Uniti. Facebook si è anche basata su una lettera del sig. Schrems che dimostrava che la procedura di reclamo esistente avrebbe dovuto continuare e i 101 casi presentati da noyb a diverse autorità di protezione dei dati per sostenere che l'approccio del RPD all'apertura di una nuova indagine "d'ufficio" è viziato.

Max Schrems (denunciante nel caso originale): "Non è una sorpresa che il DPC non sia riuscito di nuovo a gestire una procedura corretta e che per ora sia stato fermato dai tribunali irlandesi. Allo stesso tempo non è chiaro se Facebook alla fine avrà successo in questo caso". Oggi a Facebook è stato concesso solo di archiviare un caso e di far sospendere l'indagine del DPC per i prossimi giorni e forse per settimane"


Azione indipendente di noyb contro la procedura DPC

Indipendentemente dal Judicial Review di Facebook, noyb ha annunciato che contesterà anche questo nuovo caso "ex officio" da parte del DPC nella misura in cui il DPC ha informato noyb che questo caso sostituirà in gran parte una procedura di reclamo che è pendente davanti al DPC da più di 7 anni, nonostante il DPC sia sotto l'ordine del tribunale di decidere rapidamente questo caso dal 2015

La scorsa settimana il RPD ha sostenuto che il merito di questo caso pendente sarà deciso in un'indagine separata, appena avviata, "d'ufficio" - senza che il denunciante originario sia stato ascoltato. La procedura di reclamo, che era in corso da 7 anni ed era già stata oggetto di cinque decisioni del tribunale prima di una prima decisione del DPC, sarebbe stata nuovamente "sospesa".

Max Schrems (denunciante nel caso): "Il DPC usa un trucco molto losco per rimuovere gli interessati dai suoi casi. Come il RPD ha prima definito questo caso "frivolo" e poi ha fallito nella sua valutazione degli SCC - sostenendo che non sarebbero stati validi. Non abbiamo alcuna fiducia nel fatto che il CED possa portare a termine questo caso senza un denunciante esterno che rappresenti gli utenti"

Nel giro di un mese il DPC ha (ancora una volta) intrapreso azioni così discutibili nelle sue procedure, che anche gli oppositori prima di concordare (per ragioni diverse) che la procedura deve essere interrotta. Facebook ha accettato che tutta la documentazione dell'indagine "d'ufficio" sia messa a disposizione del signor Schrems.

Schrems: "Il RPD è noto per aver preso cattive decisioni procedurali. Finora hanno perso quasi tutti i casi e hanno persino fatto in modo che gli oppositori come Facebook e me concordassero sul fatto che le loro procedure sono discutibili - anche se per motivi diversi. Il caso attuale non ha visto una decisione formale da parte del DPC in sette anni - nonostante cinque sentenze di diversi tribunali in arrivo"