Gmail crea "email di spam", nonostante la sentenza della CGUE

Ago 24, 2022

Gmail crea "email di spam", nonostante la sentenza della CGUE

Oggi noyb.eu ha presentato una denuncia contro Google all'Autorità francese per la protezione dei dati (CNIL). Il gigante tecnologico ha ripetutamente ignorato la sentenza della Corte di giustizia europea (CGUE) sulle e-mail di marketing diretto e ha utilizzato la sua piattaforma di posta elettronica Gmail per inviare e-mail pubblicitarie non richieste senza un valido consenso degli utenti

Annunci mascherati da e-mail. Google invia agli utenti di Gmail e-mail pubblicitarie non richieste direttamente nella loro casella di posta. Questi messaggi possono sembrare normali e-mail, ma in realtà sono annunci pubblicitari a cui gli utenti non hanno mai acconsentito. Quando le e-mail commerciali vengono inviate direttamente agli utenti, si configurano come e-mail di marketing diretto e sono regolamentate dalla direttiva ePrivacy

Google ignora la sentenza della CGUE sulla pubblicità inbox. Il diritto dell'UE è già abbastanza chiaro: l'uso della posta elettronica, a scopo di marketing diretto, richiede il consenso dell'utente. La Corte di giustizia è andata oltre e ha confermato che qualsiasi pubblicità nella casella di posta di un utente è soggetta alla regola del consenso. L'utente deve quindi sempre acconsentire liberamente a ricevere pubblicità direttamente nella sua casella di posta, cosa che Google chiaramente ignora.

"La Corte di giustizia è stata piuttosto chiara in materia: se sembra un'e-mail, se ha l'odore di un'e-mail, allora è un'e-mail. Sembra che Google lo ignori e continui a inviare spam ai propri utenti" - Eliška Andrš, tirocinante legale presso noyb.eu

Due tipi di spam? Mentre Gmail filtra con successo la maggior parte dei messaggi di spam esterni in una cartella spam separata, i messaggi di spam non richiesti da Google vengono inviati direttamente alla casella di posta dell'utente. In questo modo si ha l'impressione che l'utente si sia iscritto a queste e-mail o a questi servizi, mentre in realtà non è stato ottenuto alcun consenso da parte dell'utente.

"È molto semplice. Lo spam è un'e-mail commerciale inviata senza consenso. Ed è illegale. Lo spam non diventa legale solo perché è generato dal provider di posta elettronica."Romain Robert, avvocato presso noyb.eu

La CNIL ha un passato di multe a Google Poiché questa denuncia si basa sulla direttiva ePrivacy e non sul GDPR, l'autorità francese (CNIL) può decidere e multare direttamente Google senza dover collaborare con altre DPA. Il CNIL ha già multato Google per 150 milioni di euro nel dicembre 2021 per le sue violazioni dei cookie e ha imposto una multa di 50 milioni di euro sulla base di un reclamo noyb e di un LQDN , a causa dell'informativa sulla privacy opaca e poco chiara di Google e della mancanza di una base giuridica per gli annunci personalizzati