"Pay or Okay" bei derStandard.at?

Set 17, 2019

Commento degli ospiti di Max Schrems in 'Der Standard' (un giornale austriaco) al tipo di abbonamento 'PUR-Abo' di DerStandard.at

 'Vuoi avere un po' piu' di privacy? - Poi si deve pagare 6 € al mese'

Da Vienna a Berlino a Bruxelles, molti esperti e avvocati hanno risposto con incredulità a una decisione dell'autorità per la protezione dei dati (DSB) questa settimana. Pagare o rinunciare ai diritti fondamentali" non è esattamente ciò che il nuovo GDPR intendeva per consenso "volontario". Poiché è "Der Standard" che agisce in questo modo mi fa particolarmente male.'

Consenso volontario

Cosa è successo? Con l'introduzione del GDPR, gli utenti dovrebbero ricevere una scelta volontaria di "sì o no" per l'elaborazione dei dati. Dopo tutto, il consenso non è altro che l'abbandono volontario del diritto fondamentale alla privacy.

È difficile per l'industria, dato che i banner dei cookie su centinaia di siti web vengono mostrati ogni giorno. Qui spesso si ha la possibilità di cliccare su "sì". Invece di "sì o no", "Der Standard" offre un'opzione (piuttosto creativa) "sì o € 6". Un utente ha presentato un reclamo all'autorità di vigilanza ('DSB').

Pubblicità ≠ Targeting ≠ Data Sharing

Sul sito web di 'Der Standard' si ottiene solo la privacy 'nel pacchetto' con libertà pubblicitaria. Ciò non è né tecnicamente né economicamente necessario: la pubblicità, il targeting e la personalizzazione sono cose diverse - anche se la lobby ama venderlo come pacchetto.

La pubblicità è la stessa (ad esempio in stampa) per tutti. Se la personalizzazione fosse assolutamente necessaria, la TV supportata da un annuncio sarebbe già andata via. Der Standard" offre inoltre alle aziende la possibilità di fare pubblicità online non mirata.

Il targeting per le persone ha molte varietà rispettose della privacy - come la geografia, il tempo o il contesto (pubblicità auto sulla pagina auto).

La pubblicità personalizzata (spesso condividendo i dati con centinaia di aziende esterne di targeting) è solo una sottocategoria di targeting, che riduce ulteriormente la copertura dei rifiuti e aumenta i profitti. Data l'estrema inflazione dei prezzi pubblicitari, anche questo è discutibile ('Race to the Bottom').

È proprio questa segregazione che il DSB non ha perseguito con la sua decisione - equipara la pubblicità e il trasferimento di dati e giunge alla conclusione che i modelli supportati da pubblicità e trasferimento di dati richiedono sempre una sorta di trasferimento di dati

Lato economico

All'interno di una valutazione ingenua della situazione, 'Der Standard' deve ottenere in circa 30-90 centesimi per utente online al mese. Così, il giornale sta facendo pagare da 6 a 20 volte di più per la versione senza pubblicità. Di conseguenza, il rifiuto del consenso è estremamente costoso e anche civile (laesio enormis). La somma è ancora più bassa se non si calcola l'intera pubblicità, ma solo l'aumento delle vendite attraverso la personalizzazione della pubblicità.

Tuttavia, la DSB confronta questo tipo di abbonamento online con l'abbonamento cartaceo per € 47 - e giunge quindi alla conclusione (assurda) che l'utente beneficerebbe economicamente di un consenso.

Alternatives?

Il DSB si riferisce inoltre alla "volontarietà" in quanto le persone potrebbero utilizzare altri mezzi di comunicazione ("prenderla o lasciarla"). In pratica, questo è illusorio, in quanto quasi tutte le piattaforme di media online passano i dati esattamente alle stesse aziende (ad esempio Google), la gente vuole leggere storie esclusive e sta cambiando i fornitori di media in tempi di Twitter e Facebook.

Media passo nella breccia per 'Pay or Okay'?


I politici, le autorità e i sostenitori dei consumatori sono riluttanti a impegnarsi nei media. E' anche un consenso sul fatto che i mezzi di comunicazione di qualità devono essere finanziati meglio. Tuttavia, per molte aziende discutibili, i mezzi di comunicazione potrebbero entrare in breccia. Se prevale 'pay or okay', si applica a tutti.

Una qualsiasi azienda potrebbe introdurre il 'trasferimento dati o il pagamento'. Questo "Vuoi avere un po' più di privacy? - Allora sarà di € 6 al mese" potrebbe essere possibile dal contratto di telefonia mobile al biglietto del treno. Di conseguenza, le persone che non hanno appena vinto la lotteria, probabilmente daranno i loro diritti fondamentali via "volontariamente" tutto il tempo.

Il livello di juridiction dovrà decidere

Poiché si tratta di una questione fondamentale di protezione dei dati, la nostra associazione (noyb.eu) prevede quindi di chiarire nuovamente la questione con i fatti completi del DSB. Perché con tutta la comprensione per il finanziamento dei media qualitativi e la mia fedeltà a 'Der Standard': Non si dovrebbe migliorare la situazione economica con il trasferimento forzato di dati.  

Link al commento su derStandard.at (per motivi di spazio leggermente accorciato e solo in tedesco)

MakePrivacyReal

Il nostro lavoro è reso possibile da più di 3.100 membri sostenitori - forse tu?