2,5 anni e ancora nessuna decisione sui reclami di streaming

Lug 19, 2021

A gennaio 2019 abbiamo presentato reclami contro otto servizi di streaming per non aver risposto correttamente alle richieste di accesso semplice. Come uno dei diritti più basilari del GDPR, il diritto di accesso permette agli utenti di scoprire quali dati un'azienda ha su di loro e come vengono utilizzati

Esattamente due anni e mezzo dopo la nostra prima denuncia, la mancanza di conformità al GDPR rimane evidente: solo uno degli otto reclami è stato risolto. Nel caso che è stato risolto, noyb ha portato l'autorità responsabile in tribunale. I restanti sette casi non sono ancora stati decisi e uno di essi è stato letteralmente perso da un'autorità

Inoltre, le autorità coinvolte non riescono a fornire un aggiornamento concreto dello stato di questi casi. Come si può vedere nel calendario, noyb chiede regolarmente aggiornamenti alle autorità, ma per lo più sente promesse vuote. In definitiva, due anni e mezzo non è un lasso di tempo ragionevole per gli utenti da aspettare per esercitare i loro diritti fondamentali. Mentre il GDPR dà agli utenti il diritto alla privacy, molte autorità competenti sembrano non essere in grado di far rispettare questi diritti - è probabile che certi dati siano addirittura cancellati ormai. noyb continuerà a lavorare per rendere i diritti fondamentali applicabili a tutti