Wizz Air: 1 € per un volo, 35 € per il tuo diritto GDPR

Ott 21, 2020

Wizz Air: 1 € per un volo, 35 € per il tuo diritto GDPR

Il 21.10.2020 noyb ha presentato un reclamo GDPR contro la più grande compagnia aerea low cost dell'Europa centrale e orientale, Wizz Air. Un passeggero ha cambiato il suo cognome. Nonostante il diritto gratuito di rettifica ai sensi del GDPR, la compagnia aerea ha addebitato 35 euro di spese telefoniche per aggiornare un cognome. L'e-mail in questione non è mai stata aggiornata, il che ha fatto sì che le e-mail di Wizz Air non venissero recapitate. Soprattutto durante la crisi della corona, è fondamentale mantenere le informazioni personali aggiornate e in linea con i documenti di viaggio.

Aggiornamento del nome presumibilmente possibile solo in caso di matrimonioDopo aver cambiato il suo cognome e di conseguenza il suo indirizzo e-mail, una passeggera austriaca di Wizz Air ha dovuto aggiornare i suoi dati memorizzati presso la compagnia. Poiché la passeggera non poteva farlo da sola, ha presentato una "richiesta di rettifica" per il suo cognome e il suo indirizzo e-mail al responsabile della protezione dei dati personali (DPO) di Wizz Air.

Tre mesi dopo, l'interessato non aveva ancora ricevuto alcuna risposta. Ha presentato una nuova richiesta di modifica del suo cognome utilizzando il modulo di contatto della società. Il servizio clienti le ha detto che non poteva cambiare il suo cognome online, tranne in caso di matrimonio. Nel suo caso, avrebbe dovuto chiamare il Call Center di Wizz Air, che costa più di 1 euro al minuto

35,67 Euro dopo - un successo parziale Solo dopo essere stata al telefono per circa 32 minuti Wizz Air ha cambiato il cognome del passeggero, non hanno ancora cambiato il suo indirizzo e-mail. Anche dati poco accurati hanno spesso conseguenze nella vita reale: Le informazioni su un volo cancellato sono state inviate al precedente indirizzo e-mail del passeggero. Di conseguenza, il passeggero è venuto a conoscenza del volo cancellato solo all'ultimo minuto, in quanto la notifica è stata inviata all'indirizzo e-mail precedente del passeggero.

"Wizz Air richiede ai passeggeri di mantenere i dati dei loro conti accurati. Per legge, l'aggiornamento dei dati deve essere gratuito, quindi le compagnie aeree a basso costo non possono rendere il rispetto del GDPR un'altra delle loro tariffe nascoste" – Ala Krinickytė, avvocato per la protezione dei dati presso noyb

Il GDPR dà ai clienti il diritto di correggere gratuitamente le loro informazioni (articolo 12, paragrafo 5 del GDPR). Obbligando i clienti a chiamare le loro costose hotline per le modifiche, Wizz Air non permette ai clienti di esercitare questo "diritto di rettifica". Il caso del passeggero non è un caso isolato. Anche altri clienti di Wizz Air si sono lamentati per questioni simili (ad esempio qui).

"Il GDPR afferma che i responsabili del trattamento dovrebbero prendere "ogni ragionevole misura" per garantire che i dati siano accurati. In questo caso, sembra che Wizz Air non sia riuscita a fare alcun passo. La richiesta di rettifica è probabilmente la richiesta di protezione dei dati meno controversa che una persona interessata possa presentare al responsabile del trattamento. Soprattutto con le compagnie aeree, è di grande importanza che le liste dei passeggeri corrispondano ai passaporti. Rendono le cose più complicate e costose del necessario" - Ala Krinickytė, avvocato per la protezione dei dati presso noyb

Denuncia presentata, con una potenziale sanzione pecuniaria fino a 97 milioni di euro. A causa del fatto che Wizz Air ha dimostrato un sistematico mancato rispetto del diritto di correggere i dati personali senza indebito ritardo e gratuitamente, noyb ha presentato un reclamo all'autorità austriaca per la protezione dei dati.

"Secondo Forbes, Wizz Air è ora 'La più grande compagnia aerea d'Europa", il che rende ancora più importante per loro adeguare le loro pratiche e garantire i diritti GDPR dei loro clienti. Dato che questo è un problema più grande per Wizz Air, l'autorità per la protezione dei dati dovrebbe imporre una multa efficace e dissuasiva. Le compagnie devono capire che non possono semplicemente ignorare i diritti di protezione dei dati dei loro passeggeri" - Ala Krinickytė, avvocato per la protezione dei dati presso noyb