Prima decisione sui reclami di noyb in streaming - dopo più di un anno e mezzo

Set 16, 2020

In collaborazione con la Camera del Lavoro austriaca, nel gennaio 2019 noyb ha presentato otto denunce contro servizi di streaming come Netflix e Amazon Prime per non aver rispettato a sufficienza il diritto di accesso ai sensi dell'articolo 15 GDPR. Ora è stata emessa una prima decisione: All'inizio di settembre 2020 - più di un anno e mezzo dopo la presentazione del reclamo - l'autorità austriaca per la protezione dei dati(Datenschutzbehörde - "DSB") ha deciso in merito al reclamo contro il servizio di streaming di Vienna Flimmit. Il termine legale per le decisioni in Austria è di sei mesi. Il DSB ha preso la sua decisione solo dopo che noyb ha presentato un cosiddetto reclamo tardivo al tribunale, dando al DSB tre mesi per prendere una decisione.

Marco Blocher, avvocato per la protezione dei dati presso la noyb:"Siamo lieti che uno dei nostri reclami sia stato finalmente deciso. Tuttavia, il fatto che ci sia voluto più di un anno e mezzo e un reclamo al Tribunale amministrativo federale austriaco è estremamente deludente per quanto riguarda l'applicabilità del GDPR. Il termine legale in Austria è in realtà di sei mesi".

Nessun esame sostanziale dei motivi del reclamo

Nel merito, il DSB ha respinto il reclamo di noyb- ma non perché fosse infondato. Il rifiuto si basava unicamente sul fatto che Flimmit ha presentato le informazioni mancanti rispetto alle informazioni originali fornite (ossia a cui erano stati trasmessi i dati del denunciante) nel corso della procedura del DSB. Tale "conformità ex-post" da parte di un responsabile del trattamento dei dati consente al DSB di chiudere le procedure di reclamo senza dover esaminare se vi sia stata una violazione del GDPR. Allo stesso tempo, consente alle imprese di rispettare la GDPR solo in caso di reclamo e di evadere senza alcuna multa.

Marco Blocher:"In parole povere, la legge austriaca sulla protezione dei dati prevede che una procedura di reclamo debba essere chiusa se nel corso della procedura si pone rimedio alla presunta violazione della GDPR. Come azienda - anche se avete chiaramente violato la GDPR - riceverete quindi ogni volta un "invito speciale" prima di essere effettivamente multati. È come se una trappola radar vi invitasse a rallentare prima che venga comminata una multa. I conducenti si accorgerebbero presto che nel 99% dei casi si fugge praticamente impuniti. Dubitiamo che questa disposizione austriaca sia conforme al GDPR, che richiede sanzioni dissuasive. Secondo la legge vigente, il DSB potrebbe anche imporre una sanzione che tenga conto della collaborazione e del riconoscimento della società, ma secondo la nostra esperienza il DSB non lo fa".

Nessuna decisione in vista sulle restanti sette denunce - l'inefficacia come filo conduttore

Pochi i progressi sugli altri reclami in streaming (contro Amazon Prime, Apple Music, DAZN, Flimmit, Netflix, SoundCloud, Spotify e YouTube). Nella causa contro DAZN, noyb ha anche presentato una denuncia al Tribunale amministrativo federale a causa dell'inattività del DSB. In questo caso, il DSB non è stato in grado di prendere una decisione entro tre mesi e ha deferito il caso al Tribunale amministrativo federale. Per quanto riguarda YouTube, vi è disaccordo su quale autorità sia responsabile. Altre procedure sembrano essere semplicemente andate perse, anche se noyb continua a seguire le autorità. Di otto procedimenti, solo uno è stato deciso dopo più di un anno e mezzo.

Marco Blocher:"Nonostante le diverse leggi procedurali nazionali, sembra che ci sia una cosa in comune: non appena c'è un collegamento con diversi Stati membri dell'UE, gli ingranaggi si fermano. Ora che il GDPR è in vigore da oltre quattro anni ed è applicabile da più di due anni, le autorità hanno urgente bisogno di avviare la loro cooperazione. Attualmente, questo non funziona affatto e gli utenti vengono dimenticati".