Le autorità per la protezione dei dati sostengono l'appello di noyb per la creazione di banner per i cookie "sì/no" corretti

Gen 24, 2023

Le autorità per la protezione dei dati sostengono l'appello di noyb per la creazione di banner sui cookie che siano equi, sì e no

Una task force del Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) ha pubblicato una bozza di relazione in risposta alle oltre 700 denunce di noyb sui cookie banner. Le autorità europee per la protezione dei dati (DPA) sostengono ampiamente le denunce di noyb. Se le autorità per la protezione dei dati implementeranno questo rapporto nelle loro pratiche quotidiane, sarà garantita una "soglia minima" per gli utenti dei siti web.

I peggiori cookie banner presto scomparsi? La maggior parte degli utenti associa il GDPR agli snervanti "cookie banner". I casi peggiori dovrebbero presto scomparire, poiché le seguenti pratiche comuni sono chiaramente considerate illegali dalla legge dell'UE, secondo la bozza di relazione dell'EDPB:

  • Nessuna opzione di rifiuto sul primo livello (ma nascosta in un sottolivello)
  • Caselle pre-selezionate invece di un consenso attivo
  • Link minuscoli in un altro testo per rifiutare il consenso
  • Link al di fuori del banner dei cookie per rifiutare il consenso
  • Rivendicazione di un interesse legittimo per l'installazione di cookie non essenziali (e non richiesta di consenso)
  • Non offrire un'opzione permanente per ritirare il consenso

Ala Krinickytė, avvocato per la protezione dei dati presso la noyb:"Siamo molto contenti che le autorità abbiano concordato la soglia minima di protezione contro i banner abusivi. I cookie banner sono diventati il manifesto della violazione del GDPR. Abbiamo bisogno che le autorità agiscano con urgenza, per garantire la fiducia dei cittadini nelle leggi europee sulla privacy"

La bozza di decisione è il risultato della cooperazione delle autorità di protezione dei dati nell'ambito della task force dell'EDPB sui cookie banner, avviata nel settembre 2021 a seguito della presentazione di oltre 500 reclami sui cookie banner da parte della noyb. Il progetto di relazione riflette il minimo comune denominatore nell'interpretazione della legge applicabile da parte delle autorità di protezione dei dati e stabilisce una soglia minima per valutare i cookie banner consensuali. Molte linee guida nazionali vanno anche oltre e noyb ritiene che la legge richieda ulteriori protezioni, ad esempio in base al requisito di "correttezza" del GDPR.

Silenzio parziale da parte delle autorità di protezione dei dati. Alcune questioni non sono pienamente chiarite nella bozza di relazione dell'EDPB. La relazione tace semplicemente su di esse. Questo potrebbe portare a ulteriori discussioni e incertezze in futuro. Tra le altre, la task force non ha adottato una decisione sui colori e i contrasti ingannevoli dei pulsanti e non ha definito cosa sia "un luogo visibile e standardizzato" per la revoca del consenso. La versione finale della relazione dell'EDPB non è ancora stata adottata. Potrebbe chiarire ulteriormente questi aspetti.

Felix Mikolasch, avvocato specializzato in protezione dei dati presso la noyb:"Su alcune questioni controverse c'è un silenzio assordante da parte delle autorità, ad esempio sui colori ingannevoli dei pulsanti. Sono necessarie indicazioni più chiare per proteggere ulteriormente gli utenti"

Stato dei reclami della noyb . Nel marzo 2021, noyb ha analizzato il web alla ricerca di banner di cookie illegali e ha presentato più di 700 reclami in tutta Europa. Dei siti web inizialmente analizzati, almeno il 56% ha introdotto banner di cookie più conformi, tra cui Coca-Cola, Raiffeisen, Mastercard. Ad oggi, sono stati chiusi 60 casi di cookie.

Le prime azioni giudiziarie. In una storia correlata, noyb è andata in tribunale contro le decisioni dell'Autorità bavarese per la protezione dei dati. Contrariamente ad altre autorità di protezione dei dati, l'autorità di protezione dei dati bavarese non ha preso provvedimenti nei confronti di un banner che era chiaramente ingannevole e spingeva gli utenti al consenso. Il DPA bavarese sostiene principalmente che gli interessati non hanno il diritto che un DPA prenda provvedimenti e che il banner era discutibile, ma il DPA non ha ritenuto necessario intervenire. noyb spera che i tribunali competenti annullino la decisione del DPA e lo costringano a sostenere i diritti degli utenti.

Related articles

Recent articles