L'alleanza per i diritti digitali presenta denunce legali in tutta Europa contro la società di riconoscimento facciale Clearview AI

Maγ 26, 2021

L'alleanza per i diritti digitali presenta denunce legali in tutta Europa contro la società di riconoscimento facciale Clearview AI

Oggi, noyb e altre organizzazioni per i diritti digitali dell'UE hanno presentato denunce legali per fermare la sorveglianza di massa online da parte della società di riconoscimento facciale Clearview.

Denunce in cinque paesi. Una coalizione di organizzazioni tra cui noyb, Privacy International (PI), Hermes Center e Homo Digitalis ha presentato una serie di denunce contro Clearview AI, Inc, una società di riconoscimento facciale che sostiene di avere"il più grande database conosciuto di oltre 3 miliardi di immagini facciali" ottenute da account di social media e altre fonti online. I reclami sono stati presentati ai regolatori della protezione dei dati in Francia, Austria, Italia, Grecia e Regno Unito.

Le pratiche disoneste di Clearview L'azienda è diventata ampiamente nota nel gennaio 2020, quando un'inchiesta del New York Times ha rivelato al mondo le sue pratiche. Prima di questo, Clearview aveva operato con segretezza intenzionale, mentre offriva il suo prodotto alle forze dell'ordine in vari paesi, così come alle aziende private. L'azienda utilizza un image scraper automatico, uno strumento che cerca sul web e raccoglie tutte le immagini che rileva come contenenti volti umani. Insieme a queste immagini, lo scraper raccoglie anche i metadati associati a queste immagini, come il titolo dell'immagine o della pagina web, la geolocalizzazione e il link di origine. Sia le immagini facciali che i metadati che le accompagnano vengono memorizzati sui server di Clearview a tempo indeterminato.

"Le leggi europee sulla protezione dei dati sono molto chiare quando si tratta degli scopi per cui le aziende possono usare i nostri dati. Estrarre le nostre caratteristiche facciali uniche o addirittura condividerle con la polizia e altre aziende va ben oltre quello che potremmo mai aspettarci come utenti online". - Ioannis Kouvakas, responsabile legale di PI

Molteplici autorità sono sul caso Le cinque presentazioni si aggiungono alla serie di indagini avviate sulla scia delle rivelazioni dell'anno scorso e ilpassato intervento delNoyb in un caso davanti all'autorità per la protezione dei dati di Amburgo. Attualmente, sia i regolatori britannici che quelli italiani stanno esaminando le pratiche dell'azienda. Clearview è stata anche segnalata per aver stipulato contratti con le autorità di polizia in Europa. In Grecia, a seguito di una domanda presentata da Homo Digitalis, la polizia ha negato la collaborazione con la società

"È importante aumentare il controllo su questa questione. Le DPA hanno forti poteri investigativi e abbiamo bisogno di una reazione coordinata a queste partnership pubblico-privato." - Marina Zacharopoulou, avvocato e membro di Homo Digitalis.

Il mese scorso, l'autorità italiana per la protezione dei dati ha bloccato le forze di polizia dall'uso del riconoscimento facciale in tempo reale.

"Le tecnologie di riconoscimento facciale minacciano le nostre vite online e offline. Raccogliendo surrettiziamente i nostri dati biometrici, queste tecnologie introducono una sorveglianza costante dei nostri corpi." - Fabio Pietrosanti, Presidente dell'Hermes Center.

Il riconoscimento facciale è estremamente intrusivo. Ecco perché l'uso di tali sistemi, e in particolare qualsiasi modello di business che si basa su di essi, solleva gravi preoccupazioni per le società moderne e la libertà degli individui

"Solo perché qualcosa è online, non significa che sia un gioco leale per essere appropriato da altri in qualsiasi modo vogliano - né moralmente né legalmente. Le autorità per la protezione dei dati devono intervenire e fermare Clearview e organizzazioni simili dall'accaparrarsi i dati personali dei residenti dell'UE." - Alan Dahi, avvocato per la protezione dei dati di noyb.

Passi successivi. I regolatori hanno ora 3 mesi per fornire una prima risposta ai reclami. Ci aspettiamo che uniscano le loro forze per decidere che le pratiche di Clearview non hanno posto in Europa Nel frattempo, individui possono chiedere a Clearview se la loro faccia è il loro database e richiedere che i loro dati biometrici non siano più essere inclusi nelle ricerche effettuate dai clienti dell'azienda.