Il DPC irlandese rimuove il noyb dalla procedura GDPR - Rapporto penale archiviato

Nov 23, 2021

La DPC irlandese ha chiesto a noyb di firmare un "accordo di non divulgazione" o di rimuovere noyb dalla procedura di Facebook. noyb presenta una denuncia penale contro la DPC.

La Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) ha preso la mossa inaudita di chiedere a noyb di redigere e firmare un "accordo di non divulgazione" (NDA) entro un giorno lavorativo. In assenza di un tale NDA a beneficio della DPC e di Facebook, la DPC non rispetterebbe più il dovere di ascoltare il denunciante. Schrems:"Il DPC si è impegnato in un ricatto procedurale. Solo se stavamo zitti, il DPC ci avrebbe 'concesso' il nostro diritto legale di essere ascoltati. Abbiamo denunciato l'incidente all'Ufficio austriaco Ufficio austriaco per il perseguimento della corruzione. Questo è un regolatore che chiede chiaramente un 'quid pro quo' per fare il suo lavoro, che probabilmente costituisce corruzione in Austria"

Facebook beneficerebbe in particolare dell ' NDA, poiché nuovi documenti indicano che i regolatori dell'UE potrebbero trovare illegale il "bypass GDPR" di Facebook - possibilmente dichiarando illegale l'uso dei dati personali da parte di Facebook dal 2018, con importanti implicazioni per il modello di business di Facebook in Europa.

Contesto procedurale. Quando il GDPR è diventato applicabile il 25.5.2018, Facebook ha cercato di aggirare i requisiti di consenso del GDPR passando a un presunto contratto sull'uso dei dati personali. noyb ha presentato una denuncia all'Autorità austriaca per la protezione dei dati (DPA), che è stata inoltrata al DPC come "Autorità principale". Dopo più di tre anni, il DPC ha emesso un "Progetto di decisione" che ha dichiarato legale il bypass del consenso di Facebook. Una volta che questo è stato reso pubblico da noyb, il DPC ha chiesto a noyb di togliere la decisione del DPC così come le osservazioni di noyb stessa.

Nessuna base legale per le richieste di "non divulgazione". Il DPC non ha alcuna base legale per chiedere che i documenti di una procedura pubblica che riguarda milioni di utenti siano tenuti riservati. Prima di tutto, il DPC non ha giurisdizione al di fuori dell'Irlanda. A causa dei meccanismi di cooperazione del GDPR, i documenti devono essere notificati attraverso la DPA austriaca secondo la legge austriaca applicabile (§17 AVG). Come ha confermato la DPA austriaca, non c'è riservatezza su questi documenti procedurali. In secondo luogo, anche se i documenti dovessero essere notificati direttamente secondo il diritto irlandese, non esiste un obbligo legale per le parti di mantenere la riservatezza dei documenti secondo il diritto irlandese. La sezione 26 del Data Protection Act irlandese, citata dal DPC, si applica solo al personale del DPC ("persona rilevante"), non alle parti. Mancando un tale obbligo legale di riservatezza, il DPC ha ora richiesto un "accordo" che non è previsto dalla legge. Nonostante la denuncia sia stata presentata alla locale DPA austriaca, il DPC ha anche richiesto che noyb si arrenda alla giurisdizione irlandese.

Max Schrems, presidente di noyb.eu:"Il DPC riconosce che ha il dovere legale di ascoltarci, ma ora si è impegnato in una forma di 'coercizione procedurale'. Il diritto di essere ascoltati è stato subordinato alla nostra firma di un accordo a beneficio del DPC e di Facebook. Non è altro che un'autorità che chiede di rinunciare alla libertà di parola in cambio di diritti procedurali."

Tutte le preoccupazioni legali e fattuali sollevate nelle lettere di noyb , sono state ignorate dal DPC. Altri suggerimenti, come la divulgazione dei documenti direttamente al soggetto dei dati, o l'assicurazione che noyb non ha intenzione di pubblicare alcun documento per il momento, non hanno cambiato la richiesta del DPC di un "quid pro quo": un NDA in cambio del rispetto del dovere di ascoltare il ricorrente.

Si profila un enorme problema commerciale per Facebook. Le lettere del DPC non solo sollevano domande su come il DPC conduce il suo ufficio, ma mostra anche che altre DPA europee hanno presentato "obiezioni pertinenti e motivate" e si sonoopposte alle opinioni del DPC. Se le altre DPA hanno una maggioranza e alla fine ribaltano il progetto di decisione del DPC, Facebook potrebbe affrontare un disastro legale, poiché la maggior parte dell'uso commerciale dei dati personali nell'UE dal 2018 sarebbe retroattivamente dichiarato illegale. Dato che le altre DPA hanno approvato linee guida nel 2019 che sono molto sfavorevoli alla posizione di Facebook, un tale scenario è altamente probabile.

Schrems:"Se le altre DPA ribaltano la decisione del DPC, significherebbe probabilmente che gran parte dell'uso dei dati di Facebook sarebbe dichiarato illegale. Questo non significherebbe solo grandi sanzioni, ma anche incombenti richieste di risarcimento danni da parte di milioni di utenti. Facebook ha un forte interesse a tenere i dettagli di questa procedura sotto il tappeto. Facebook ha quindi ripetutamente chiesto che le DPA limitino il nostro diritto ad essere ascoltati - sembra che il DPC stia facendo di tutto per assistere Facebook in questa richiesta. "

Richiedere un "beneficio" può costituire corruzione. L'NDA richiesto non avrebbe solo beneficiato enormemente Facebook, ma anche il DPC. Il DPC è continuamente sotto tiro da altre DPA, nelle inchieste pubbliche e nei media. Se un NDA ostacolerebbe la libertà di parola di Noyb , il danno reputazionale del DPC potrebbe essere limitato. Secondo la legge penale austriaca, richiedere un beneficio (anche un piccolo beneficio, o un beneficio non materiale) per la legittima esecuzione di doveri pubblici (come il diritto di essere ascoltato) può costituire un atto criminale (§305 StGB). Se noyb concedesse un tale beneficio firmando un NDA in cambio diretto del fatto che il DPC svolga i suoi doveri legali, noyb e lo stesso personale di noyb potrebbero aver potenzialmente commesso un reato (§307a StGB).

Rapporto con il pubblico ministero depositato. noyb ha depositato un rapporto penale ("Sachverhaltsdarstellung") presso l'Ufficio austriaco per il perseguimento della corruzione (WKStA). Poiché l'obiettivo del potenziale atto criminale ha sede in Austria, sembra che l'atto criminale austriaco sia applicabile. Il rapporto penale riguarda il personale del DPC interessato. Il WKStA deve verificare se c'è motivo di iniziare un'indagine. Si applica la presunzione di innocenza.

Schrems:"Generalmente abbiamo relazioni molto buone e professionali con le autorità. Non abbiamo fatto questo passo alla leggera, ma la condotta del DPC ha finalmente superato tutte le linee rosse. In pratica ci negano tutti i nostri diritti ad una procedura equa a meno che non accettiamo di stare zitti. Le leggi austriache sulla corruzione sono di vasta portata: quando un funzionario richiede il minimo beneficio per svolgere un compito legale, possono scattare le disposizioni sulla corruzione. Legalmente non c'è differenza tra la richiesta di un accordo illegale o di una bottiglia di vino."

Background & politica di noyb .noyb è orgogliosa di avere un rapporto molto positivo e professionale con la maggior parte delle DPA. noyb ha ricevuto centinaia di documenti legali da quando ha iniziato ad operare a metà del 2018. Solo quando i documenti sono di massima rilevanza pubblica, o necessari per sostenere le nostre dichiarazioni, li rendiamo pubblici nella misura in cui abbiamo il diritto di farlo. Sfortunatamente, il DPC e Facebook dichiarano praticamente ogni documento come "riservato" per default e hanno minacciato ripetutamente lo staff di noyb e il nostro consiglio legale di non citare, discutere o pubblicare i contenuti. Il DPC non condivide nemmeno i documenti rilevanti con altre DPA, contrariamente ai suoi doveri legali secondo il GDPR. Nonostante questa situazione, non abbiamo divulgato i documenti su base volontaria, per limitare l'attrito con il DPC e Facebook. Questi sforzi volontari non sono stati apparentemente fruttuosi.

noyb annuncia "letture d'avvento" da vari file di Facebook. Per protestare contro la situazione e per dimostrare che noyb ha tutta la libertà di discutere i documenti entro i parametri della legge applicabile, noyb ora condurrà "letture d'avvento" da vari documenti di Facebook e del DPC. Ogni domenica d'avvento, noyb pubblicherà un altro documento, insieme a un video che spiega i documenti e un'analisi del perché l'uso di questi documenti è pienamente conforme a tutte le leggi applicabili.

Schrems:"Speriamo vivamente che Facebook o il DPC presentino un'azione legale contro di noi, per chiarire finalmente che la libertà di parola prevale sulle tattiche spaventose di una multinazionale e del suo tirapiedi finanziato dai contribuenti. Purtroppo dobbiamo aspettarci che loro stessi sappiano che non hanno alcuna base legale per intraprendere alcuna azione, ed è per questo che sono tornati al ricatto procedurale in primo luogo"

La "lettura dell'avvento" sarà pubblicata su noyb.eu - quindi sintonizzatevi!