Facebook: Non abbiamo bisogno del tuo consenso!

Nov 12, 2019

Il più grande social network del mondo crede di aver trovato il modo di aggirare le severe leggi europee sulla privacy. Nel procedimento di ieri dinanzi al Tribunale regionale di Vienna (Landesgericht für Zivilrechtssachen), Facebook ha ammesso apertamente di aver raccolto ed elaborato dati senza il consenso degli utenti dall'introduzione del GDPR il 25 maggio 2018.

Secondo il GDPR, oltre al consenso, esiste anche la possibilità di trattare i dati per l'"esecuzione di un contratto" (articolo 6, paragrafo 1, lettera b), GDPR). Facebook dichiara ora di aver concluso un tale "contratto di pubblicità" con gli utenti che, secondo Facebook, hanno ordinato "pubblicità personalizzata" al momento della sottoscrizione dei nuovi termini e condizioni il 25 maggio 2018.

Katharina Raabe-Stuppnig (avvocato della querelante): "Facebook ora dice che non hanno bisogno del consenso per l'utilizzo dei dati perché gli utenti hanno ordinato questa pubblicità. La pubblicità su Facebook dovrebbe ora essere una parte importante della "promessa di servizio". È come se gli utenti si iscrivessero a Facebook solo per vedere gli annunci"

Raabe: "Facebook sta semplicemente cercando di aggirare la legge. "Per dimostrare che nessuno ha ordinato pubblicità a Facebook, abbiamo condotto uno studio neutrale dell'istituto austriaco Gallup. Il risultato è devastante per Facebook: Solo il 4% degli utenti vuole pubblicità, e il "contratto pubblicitario" sembra essere imposto al restante 96%. Raabe: "Non si può parlare di un "servizio" ordinato all'utente. Se Facebook vuole aggregare gli interessi degli utenti e rintracciare le persone su internet, questo può essere fatto solo con il consenso degli utenti. Qualsiasi altra cosa sarebbe un'elusione del GDPR"

Il Direttore della Privacy di Facebook al banco dei testimoni

Cecilia Álvarez (Direttore della politica sulla privacy di Facebook EMEA) è stata interrogata ieri dal giudice viennese. Tuttavia, non è stata in grado di rispondere a molte delle domande. Gli avvocati di Facebook hanno sostenuto che le mancava la "comprensione tecnica" per rispondere alle domande sul trattamento dei dati personali da parte di Facebook.

Max Schrems (querelante): "Facebook sostiene che ogni utente sa in cosa si sta cacciando - ma nemmeno il massimo esperto di privacy di Facebook può spiegare esattamente cosa fa l'azienda con i nostri dati. Questo è particolarmente assurdo"

Tuttavia, alle difficili domande del querelante non verrà data risposta fino a febbraio, poiché l'udienza è stata rinviata.

Punti principali del procedimento

(1) Una questione fondamentale è chi "possiede" i dati su Facebook e chi è quindi "titolare" delle diverse funzioni della piattaforma. Finora Facebook ha assunto la posizione che in caso di problemi con i dati è l'utente ad essere responsabile - ma che Facebook è il solo responsabile quando si tratta di utilizzare i dati.

(2) Inoltre, Facebook elude i severi requisiti per il consenso nel GDPR "confezionando" il consenso nei termini d'uso. Facebook ritiene che con questo trucco le regole del consenso della GDPR non siano più applicabili.

(3) Inoltre, Facebook non fornisce agli utenti una copia completa di tutti i loro dati. Secondo il diritto comunitario, gli utenti hanno il "diritto di accesso" ai loro dati. Si spera che il caso permetterà al pubblico di capire più chiaramente cosa Facebook memorizza sugli utenti.

Facebook sostiene che un chiarimento di questi punti assomiglierebbe a una "trasformazione totale" della piattaforma. Il querelante è d'accordo: "Se avremo successo, Facebook dovrà cambiare le sue pratiche per conformarsi al GDPR e dare agli utenti reali diritti di voto". Questo è il nostro obiettivo.

Uploads