Il DPC irlandese stabilisce la revisione giudiziaria e si impegna a decidere rapidamente sui trasferimenti UE-USA di Facebook.

Gen 13, 2021

Il DPC irlandese stabilisce la revisione giudiziaria e si impegna a decidere in tempi brevi
La procedura bloccata sui flussi di dati UE-USA di Facebook può continuare.

Il DPC ha concordato con la richiesta di Max Schrems di porre rapidamente fine a una battaglia durata di 7,5 anni e mezzo sui trasferimenti di dati UE-USA da parte di Facebook e di giungere a una decisione sui flussi di dati UE-USA di Facebook. Ciò è avvenuto solo dopo che il sig. Schrems ha presentato una revisione giudiziaria contro il DPC. Il caso sarebbe stato ascoltato oggi dall'Alta Corte irlandese.

La nuova procedura di "spontanea volontà" è stata bloccata in attesa del ricorso a partire dal 2013. La Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) sovrintende alle operazioni europee di Facebook. Nell'estate del 2020 la Corte di Giustizia Europea (CGUE) si è pronunciata su un reclamo di Schrems che era pendente dal 2013 e che è stato presentato alla CGUE per la seconda volta ("Schrems II"): Secondo la sentenza della CGUE, il CDC deve bloccare i flussi di dati UE-USA di Facebook sulle leggi estreme di sorveglianza degli Stati Uniti (come la FISA 702). Invece di attuare questa sentenza, il DPC ha avviato un nuovo caso di "spontanea volontà" e ha messo in pausa la procedura originale per un tempo indefinito. Schrems e Facebook hanno avviato due procedure di revisione giudiziaria contro il DPC: mentre Facebook ha sostenuto a dicembre che la procedura di "spontanea volontà" non dovrebbe andare avanti, Schrems ha sostenuto che la sua procedura di reclamo dovrebbe essere ascoltata indipendentemente dal caso di "spontanea volontà".

Le pareti si stanno chiudendo sui trasferimenti di dati UE-USA di Facebook. Il DPC ha ora risolto la seconda revisione giudiziaria con il signor Schrems appena un giorno prima dell'udienza, e si è impegnato a finalizzare i suoi reclami in tempi brevi.

Come parte dell'accordo, il sig. Schrems sarà anche ascoltato nella procedura "di propria volontà" e avrà accesso a tutte le osservazioni fatte da Facebook, qualora la Corte permetta che l'indagine "di propria volontà" vada avanti. Il sig. Schrems e il DPC hanno inoltre concordato che il caso sarà trattato ai sensi del GDPR, non della legge irlandese sulla protezione dei dati personali che era applicabile prima del 2018. Il DPC può attendere la sentenza dell'Alta Corte nell'ambito del Revisione Giudiziaria di Facebook prima di indagare sulla denuncia originaria.

Questo accordo potrebbe in sostanza rendere la procedura di reclamo originale a partire dal 2013 il caso che alla fine determinerà il destino dei trasferimenti UE-USA di Facebook sulla scia delle rivelazioni di Snowden. In base al GDPR il DPC ha ogni libertà di emettere multe fino al 4% del fatturato gloabl di Facebook e divieti di trasferimento, anche sulla base di questo singolo caso.

Gerard Rudden, avvocato del signor Schrems:"Quando si tratta di sapere se Facebook può continuare a trasferire dati negli Stati Uniti, il DPC è stato in gran parte d'accordo con noi davanti ai tribunali e in una recente bozza di decisione. Ha ripetutamente espresso la ferma convinzione che Facebook non possa continuare a trasferire i dati dell'UE agli Stati Uniti. Tuttavia, il DPC non ha emesso una decisione in tal senso da 7,5 anni e mezzo"

Costi. Il caso ha già comportato notevoli costi per Schrems e la sua organizzazione no profit noyb.eu. La questione dei costi è stata riservata e sarà decisa dalla Corte. Anche quando un caso viene risolto, i costi seguono l'evento secondo la legge irlandese. Poiché il RPD ha proceduto in larga misura, il sig. Schrems intende chiedere che le sue spese siano pagate dal RPD.

Il processo si è concluso in pochi minuti e la questione delle spese sarà decisa dopo che la Corte avrà emesso una sentenza nella Judicial Review di Facebook a partire da dicembre 2020.