Il DPC irlandese brucia i soldi dei contribuenti per i casi di ritardo

Apr 28, 2022

Il DPC irlandese deve pagare decine di migliaia di dollari in spese legali per un ritardo di 47 mesi nelle cause contro WhatsApp e Instagram

Oggi il DPC irlandese ha risolto una causa con noyb per un ritardo grossolano in due cause su Instagram e WhatsApp. 47 mesi dopo il deposito dei casi sul "bypass del consenso" di Facebook, il DPC ha accettato di pagare decine di migliaia di costi per una revisione giudiziaria sui ritardi. Mentre il GDPR richiede una decisione "senza ritardo", il DPC ritiene che quattro anni per produrre un progetto di decisione sia ragionevole. Nella maggior parte degli Stati membri dell'UE la legge richiede una decisione entro 3-12 mesi.

Caso semplice. Il 25 maggio 2018, il giorno dell'entrata in vigore del GDPR, noyb ha presentato quattro reclami sul "consenso forzato". Uno stava portando a una rapida multa di 50 milioni di euro contro Google in Francia, gli altri tre casi (Facebook, Instagram e WhatsApp) sono stati inviati al DPC come autorità principale. Nessuno dei casi irlandesi ha visto una decisione finale finora. I casi in sé sono semplici, in quanto riguardano solo strette questioni legali e c'è anche una chiara linea guida del Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) sulle questioni fondamentali. Queste linee guida stesse sono state approvate dopo un tentativo del DPC di fare pressione sulle sue controparti UE nell'interesse di Facebook. Nonostante la chiara situazione legale, il DPC ha emesso una "bozza di decisione" su WhatsApp e Instragram solo il 1° aprile 2022, 46 mesi dopo che le denunce sono state presentate. I casi sono ancora in sospeso e probabilmente non saranno decisi prima dell'estate 2022.

Quattro anni per i diritti di base del GDPR è "senza ritardo"? Il 6 luglio 2020 noyb ha presentato una revisione giudiziaria presso l'Alta Corte irlandese, sostenendo che il DPC ha violato l'articolo 60(3) GDPR non fornendo una bozza di decisione "senza ritardo". Il DPC ha ritenuto che (ormai) circa quattro anni sarebbe ancora "senza ritardo". In molti altri Stati membri dell'UE la legge richiede una decisione entro 3-12 mesi, come mostra una recente tabella interna dell'EDPB.

L'Alta Corte irlandese è più lenta della DPC? Ma non solo la DPC sta impiegando molto tempo per decidere. La prima udienza per la scoperta davanti all'Alta Corte irlandese è stata fissata per oggi (28 aprile 2022), qualsiasi udienza sul caso sarebbe stata realistica nell'autunno 2022. Questo renderebbe la stessa Judicial Review sul ritardo più lunga di due anni. Data la lentezza della Judicial Review dell'Alta Corte irlandese, la lenta procedura davanti al DPC ha ora superato la Judicial Review, dato che il DPC ha finalmente presentato la sua bozza di decisione per la revisione il 1° aprile 2022.

Max Schrems, presidente onorario di noyb:"È grottesco che la procedura legale per affrontare i ritardi sia così lenta, che il DPC potrebbe semplicemente continuare ad una velocità lenta ed essere ancora più veloce dei tribunali. Abbiamo una situazione in cui non c'è davvero alcun ricorso efficiente contro il DPC irlandese che ritarda i casi. L'unico apprendimento può venire dai costi della procedura, che dovranno essere coperti dal DPC. Ci aspettiamo che i costi siano nell'ordine delle decine di migliaia"

Casi non decisi - Passi successivi. Le "bozze di decisione" su WhatsApp e Instagram saranno ora esaminate dalle altre autorità europee di protezione dei dati, che possono presentare "obiezioni motivate". La scadenza per questo è casualmente oggi. Poiché il DPC (illegalmente) non condivide più i documenti procedurali con noyb , noyb non può commentare la sostanza di questi progetti di decisione. Queste violazioni procedurali possono essere esse stesse una base per una contestazione legale di qualsiasi decisione finale. Se ci sono obiezioni, i casi possono essere portati all'EDPB nei prossimi mesi.

Max Schrems:"La procedura non è solo lenta, ma anche fondamentalmente ingiusta. Il DPC ci ha praticamente rimosso da ampie parti della procedura, la maggior parte delle nostre osservazioni sono semplicemente ignorate. Nel progetto preliminare di decisione, i nostri contributi sono stati in gran parte soppressi, rendendo impossibile per le altre autorità avere il quadro completo del caso. Gran parte dei nostri contributi sono semplicemente 'scomparsi' al DPC irlandese"

Lapunta dell'iceberg. noyb ha una ventina di altri casi davanti al DPC, nessuno dei quali ha una decisione tempestiva in vista. noyb ora si concentrerà sui ritardi in questi altri casi e potrebbe portare altri casi all'attenzione dell'Alta Corte. Nonostante il DPC abbia uno dei più grandi budget di tutte le autorità di protezione dei dati dell'UE e un numero massiccio di personale, il DPC produce solo una manciata di decisioni all'anno, impiegando molto più tempo delle altre autorità.

Max Schrems:"Speriamo che il DPC abbia imparato che i loro eccessivi ritardi hanno un costo che il contribuente irlandese non accetterà. Il DPCha un budget enorme, ma sembra essere investito nell'ostacolare le procedure, non nel portarle a termine"