Concesso il Riesame Giudiziario sulla lentezza della procedura contro il DPC

Lug 06, 2020

Nelle procedure di reclamo relative a WhatsApp e Instagram, entrambe con sede in Irlanda, la Irish Data Protection Commission (DPC) ha impiegato 2 anni solo per produrre un primo "Draft Inquiry Report". Questo è solo il primo di sei passi in un caso urgente di GDPR prima di arrivare a una decisione effettiva. Dopo molteplici scambi con la DPC, noyb.eu è stata concessa oggi dall'Alta Corte per un controllo giurisdizionale della procedura del DPC per conto di due denuncianti.

Reclami del 25 maggio 2018. Nelle prime ore in cui il GDPR è diventato applicabile, noyb.eu ha presentato quattro reclami per conto di singoli utenti. Mentre un reclamo contro Google è stato trattato dal regolatore francese (CNIL) nel giro di mesi e ha portato a una multa di 50 milioni di euro, gli altri reclami sono stati inoltrati da Austria, Germania e Belgio al DPC irlandese, dove sono ancora in corso di "elaborazione".

Instagram e WhatsApp. Mentre c'è un certo (lento) processo in un reclamo presentato da noyb.eu contro Facebook, i due casi su Instagram e WhatsApp hanno visto solo un primo "Draft Inquiry Report" dopo due anni. Sono necessari cinque ulteriori passaggi prima che gli utenti interessati possano ricevere una decisione finale sui loro diritti fondamentali. Il DPC non è stato in grado di fornire alcuna tempistica per il completamento di queste fasi. Le scadenze precedenti non sono state regolarmente rispettate.

Gerard Rudden di ARQ Solicitors, in rappresentanza di noyb.eu: "In questi procedimenti, noyb.eu chiede una dichiarazione che attesti che il DPC non ha svolto un'indagine sulle denunce entro un periodo di tempo ragionevole, come è tenuto a fare. Il CED ha adottato, secondo noyb.eu, un'inutile e macchinosa procedura in sei fasi in relazione a questi reclami. Nei due anni successivi alla presentazione dei reclami, hanno completato solo la prima fase"

Revisione Giudiziaria. Oggi noyb.eu ha ottenuto l'autorizzazione dall'Alta Corte irlandese a contestare il DPC su questa procedura estremamente lenta che di fatto priva gli europei dei loro diritti ai sensi del GDPR quando presentano un ricorso contro una società che ha sede in Irlanda e quindi "regolata" dal DPC. La revisione non ritarderà ulteriormente la procedura, ma sarà effettuata parallelamente a questi casi dinanzi al DPC.

Max Schrems, presidente onorario di noyb.eu: "Subito dopo l'entrata in vigore del GDPR è diventato evidente che il DPC sta agendo come un collo di bottiglia per il diritto alla privacy degli europei. La procedura è kafkiana e sembra quasi progettata per ritardare di anni i reclami degli utenti e quindi proteggere le multinazionali statunitensi con sede in Irlanda. Siamo felici che l'Alta Corte irlandese rivedrà ora questo problema strutturale"

Traduzioni in ritardo e documenti mancanti. Anche il risultato di questo primo passo non può essere elaborato da noyb.eu, poiché le autorità competenti in Germania e in Belgio non hanno fornito una traduzione in tedesco e in francese. Inoltre, sembra che il CED non abbia nemmeno fornito tutti i documenti pertinenti ai suoi omologhi europei, che a loro volta non possono fornire i documenti necessari ai denuncianti. Altri documenti sono stati trattenuti dal RPD per oltre un anno, ritardando ulteriormente la cooperazione tra le autorità di protezione dei dati.

Schrems: "Anche se il CED ha compiuto un primo di sei passi, mancano ancora i documenti di quel primo passo. Anche i documenti che abbiamo ricevuto non sono stati redatti nelle lingue previste dalla legge. Secondo il diritto processuale dobbiamo ricevere e depositare i documenti nelle lingue nazionali - anche se saremmo lieti di depositare tutto in inglese. Sembra che queste autorità di protezione dei dati aspettino a loro volta i documenti dal RPD. Respingiamo qualsiasi suggerimento da parte del RPD che questi ulteriori ritardi siano causati da noi. Il CED ha invece ritardato per anni l'invio dei documenti e non è riuscito a organizzare le traduzioni con i suoi omologhi europei. "