noyb cita in giudizio CRIF e AZ Direct per trattamento illegale e segreto dei dati

Dic 04, 2023

noyb fa causa a CRIF e AZ Direct per trattamento illegale e segreto dei dati

noyb ha intentato una causa contro l'agenzia di riferimento creditizio CRIF GmbH e il commerciante di indirizzi AZ Direct. Le società trattano segretamente i dati relativi agli indirizzi di quasi tutti gli adulti in Austria. In questo modo, CRIF ottiene informazioni che in realtà sono state raccolte per scopi pubblicitari - per calcolare il rating del credito. Come ha confermato l'autorità austriaca per la protezione dei dati in due decisioni, ciò viola il GDPR. noyb sta ora facendo causa per ottenere, tra le altre cose, provvedimenti ingiuntivi e danni.

Violazione della protezione dei dati come modello di business. Il commerciante di indirizzi AZ Direct (parte del Gruppo Bertelsmann) fornisce regolarmente informazioni personali come nome, indirizzo, data di nascita e sesso degli austriaci all'agenzia di riferimento creditizio CRIF. Si tratta di un'operazione illegale, in quanto gli editori di indirizzi sono autorizzati a condividere questi dati solo per scopi pubblicitari. In realtà, però, il CRIF utilizza i dati per calcolare la (presunta) affidabilità creditizia delle persone. Ciò può avere conseguenze di vasta portata, come il rifiuto di contratti o condizioni più sfavorevoli nella concessione di prestiti.

Il commercio illegale di dati è semplicemente continuato. L'autorità austriaca per la protezione dei dati (DSB) ha confermato in due decisioni (a seguito di un reclamo della Noyb ) che questa pratica è illegale: lo scambio segreto di dati non è compatibile con il principio di limitazione delle finalità della protezione dei dati e avviene senza un'adeguata base giuridica in conformità al GDPR. Nonostante questa chiara posizione, l'autorità non ha ancora adottato alcuna misura per fermare il trattamento illegale dei dati. noyb ha quindi intentato una causa presso il Tribunale regionale di Vienna per le questioni civili a nome di sette persone interessate.

Max Schrems, Presidente di noyb: "AZ Direct e CRIF continuano a trarre profitto illegalmente dai dati di milioni di persone in Austria - e l'autorità per la protezione dei dati non ha finora fatto nulla per porre fine in modo permanente a questo commercio illegale di dati. Non vediamo quindi altra opzione che rivolgerci ai tribunali civili"

Si chiede l'ingiunzione, il risarcimento dei danni e la restituzione dell'arricchimento. L'obiettivo della causa è ottenere un'ingiunzione. A CRIF e AZ Direct deve essere vietato di continuare il trattamento illegale dei dati. Inoltre, noyb chiede il risarcimento dei danni morali per gli interessati i cui dati sono stati trattati segretamente e illegalmente per anni. Infine, ma non per questo meno importante, le due società si sono arricchite illegalmente attraverso il trattamento dei dati. CRIF e AZ Direct devono quindi spiegare quanto hanno guadagnato per ogni interessato e consegnare questo denaro.

Max Schrems: "CRIF e AZ Direct stanno commerciando milioni di record di dati all'insaputa degli interessati senza ottenere il necessario consenso. Siamo convinti che in questo caso dovrà essere riconosciuto un adeguato risarcimento"

Solo il primo passo. La causa con sette persone interessate è solo l'inizio. CRIF detiene i dati di milioni di persone in Austria, la maggior parte dei quali proviene da editori di indirizzi come AZ Direct. Nella maggior parte dei casi, le persone interessate non ne sanno nulla, poiché né AZ Direct né CRIF adempiono agli obblighi di informazione previsti dalla legge sulla protezione dei dati.

Max Schrems: "Dal procedimento dinanzi all'autorità di vigilanza, sappiamo che AZ Direct ha condiviso con CRIF i dati di oltre 7 milioni di persone in Austria. Tutte queste persone hanno la possibilità di intraprendere un'azione legale contro il trattamento illecito. Stiamo attualmente esaminando le possibilità di far valere tali diritti in una procedura di class action"

Esercitate i vostri diritti! Anche voi potete scoprire se CRIF ha raccolto impropriamente i vostri dati da un editore di indirizzi come AZ Direct. A tal fine, inviate una richiesta di informazioni ai sensi dell'articolo 15 GDPR a CRIF(auskunft@crif.com) e chiedete in particolare l'origine dei dati trattati. Nota bene: CRIF trattiene sistematicamente alcuni dati dei consumatori; potrebbe essere necessario seguire questa procedura. Ulteriori informazioni sono disponibili qui. CRIF è tenuta a fornire tutte le informazioni entro e non oltre un mese.

Related articles

Recent articles