"Siri: Mi stai registrando?" "No, ma ti sto ascoltando"

Maγ 18, 2020

After mancanza di reazione ex dipendente Apple presenta una lettera alle autorità di protezione dei dati, chiedendo loro di indagare su Siri registrando gli utenti. noyb.eu si occuperà del caso.

In generale crediamo che Siri ci ascolti solo quando viene attivato dal noto comando "Ehi Siri!". In questi casi, gli utenti sono consapevoli di condividere il loro dati personali - sia che si tratti di una ricerca ("Ehi Siri, mostrami il ristorante più vicino") o un semplice scherzo ("Ehi Siri, non sono fantastico oggi?"”).

La lettera fischia su Apple - di nuovo.Un pubblico lettera condiviso oggi da informatore Thomas Le Bonniec, ex dipendente della Apple, descrive una realtà diversa: Secondo a Le Bonniec, Siri registra anche quando non è attivato dagli utenti Migliaia di registrazioni sono state inviate ad Apple per centinaia di dipendenti Apple per ascoltare, analizzare e transcribbiare il loro contenuto. La dichiarazione pubblica rivela che Apple ha raccolto milioni di messaggi riservati, pieni di dettagli intimi, opinioni politiche, preferenze sessuali e discussioni tra persone in una stanza, senza che gli utenti se ne rendessero conto.

Apple ha promesso di agire nel 2019.In un scuse pubbliche lo scorso agosto, Apple ha ammesso che queste pratiche sono state no all'altezza degli standard di privacy Secondo di oggi informazioni sembra checontrariamente aLa dichiarazione di Apple, non è stata messa fine alla registrazione degli utenti AppleAncora più importante, la stampa ha già rivelato che altri società tecnologiche multinazionalifha seguito il stesso road

Violazione dell'UE privacy legge.Le registrazioni rivelate nella dichiarazione pubblica, già corroborate da prove fornite da Thomas Le Bonniec l'anno scorso, ammontano a grave e massiccia violazione del diritto alla privacy, alla riservatezza e alla protezione dei dati personali. Non solo il Il GDPR (che tra pochi giorni compie 2 anni) ma anche le legislazioni sulla ePrivacy, tra le altre, sono state (e forse lo sono ancora) violate

Nessuna azione da parte del regolatore irlandese.In un dichiarazione del dicembre 2019, il Commissione irlandese per la protezione dei dati ("DPC”) ha annunciato il suo impegno con le aziende tecnologiche "per stabilire il modo in cui i loro prodotti di assistenza vocale sono conformi ai requisiti di protezione dei datiementi". Tuttavia, per noyb's conoscenza, nessuna indagine è stata avviata dopo la dichiarazione di Apple dell'anno scorso Inoltre, la maggior parte degli attori che seguono una pratica similehanno la loro sede centrale in Irlanda, dove le indagini possono richiedere anni prima che un risultato sia condiviso con altri Dati Proteciton Autoritied (DPA).

noyb.eu pianifica l'azione.A causa della portata e della gravità della presunta violazioneons, noyb.eu si aspetta che il case da sottoporre a revisione con procedura d'urgenza Articolo 66 PILR. Considerando lo sviluppoAbbiamo intenzione di presentare reclami contro tali pratiche, comprese tutte le aziende tecnologiche che registrano i loro utenti con i loro assistenti digitali in violazione delle leggi sulla privacy

Desidera fornire informazioni a sostegno del caso? Potete inviare i documenti in forma anonima tramite il nostroSecureDrop oppure inviaci un messaggio all'indirizzo info@noyb.eu

Uploads