A1: "Dove sei stato? Non sono affari tuoi!"

Giu 12, 2020

venerdì, noyb.eu ha presentato un reclamo contro A1 da parte di DSGVO perché A1 si rifiuta di fornire ai propri clienti i dati relativi al traffico e all'ubicazione. Poiché A1 utilizza questi dati anche per l'analisi del movimento (come recentemente per l'analisi della corona), la mancanza di trasparenza appare qui particolarmente problematica.

Dati di localizzazione. Una parte del reclamo riguarda i "dati di localizzazione". Si tratta di dati che indicano l'ubicazione geografica degli impianti di telecomunicazione di un utente di un servizio pubblico di comunicazione; da questi dati si può quindi dedurre dove si trova il telefono cellulare di un utente. A1 utilizza questi dati anche per le analisi dei movimenti anonimi, recentemente discusse in modo molto discusso.

Il cellulare non è abbastanza "personale"? In questo caso A1 si basa su una vecchia decisione dell'autorità austriaca per la protezione dei dati (DSB) e ritiene di non dover fornire informazioni sui dati perché l'utente non può dimostrare in modo sufficiente che solo lui o lei utilizza il numero di telefono/la carta SIM. Non era quindi chiaro se i dati di localizzazione registrati fossero davvero dati relativi all'utente - e non ad un'altra persona

"Questa visione è completamente estranea alla vita. Un telefono cellulare è un oggetto molto personale, ha codici di blocco. Gli utenti custodiscono i loro cellulari come la mela dei loro occhi. È grottesco fare l'ipotesi generale che i telefoni cellulari vengano fatti girare in tondo ogni giorno. Il rifiuto di fornire informazioni viola la legge europea e austriaca sulla protezione dei dati. La legge prevede addirittura che l'accesso ai propri dati personali debba essere facilitato per gli utenti. Invece di informare gli utenti in modo trasparente, A1 cerca di fare esattamente il contrario con questi trucchi. "Marco Blocher, avvocato per la protezione dei dati presso noyb.eu.

Dati sul traffico. La seconda parte del reclamo riguarda i "dati di traffico". Ciò comprende gli indirizzi IP, i dati di log, l'ora e la durata della connessione, la quantità di dati trasmessi e determinati dati di localizzazione. A1 fornisce informazioni su questi dati di traffico solo al momento dell'emissione della fattura, comprese le fatture dettagliate, anche se la DSDPA autorizza l'utente a ricevere in qualsiasi momento una copia di tutti i suoi dati personali

Lo Stato può sapere più della persona interessata? A1 basa il suo rifiuto su un'interpretazione molto discutibile della legge austriaca sulle telecomunicazioni (TKG). In parole povere, questa legge stabilisce che i dati relativi al traffico possono essere trasmessi alla polizia, al pubblico ministero e ai tribunali solo nell'ambito di indagini penali o di procedimenti penali. In base alla giurisprudenza dell'autorità per la protezione dei dati, emanata ben prima dell'entrata in vigore del DSGVO, A1 rifiuta all'utente stesso l'accesso ai dati sul traffico che lo riguardano.

"L'approccio di A1 di trasferire le vecchie decisioni dell'autorità per la protezione dei dati alla nuova situazione giuridica secondo il DSGVO senza revisione è strano. § L'articolo 99 della TKG ha lo scopo di impedire ai fornitori di servizi di telecomunicazione di trasmettere a terzi i dati relativi al traffico e limita pertanto la trasmissione a determinate situazioni e autorità o tribunali. Tenere i propri dati a disposizione dell'utente non è lo scopo della fornitura e non è compatibile con il DSGVO! - Marco Blocher, avvocato per la protezione dei dati presso noyb.eu.

Il DSGVO ha la precedenza sul diritto e sulle decisioni nazionali. Con il 25. 5. 2018 - per oltre due anni - il DSGVO è diventato applicabile. Con le lamentele sulle tradizioni nazionali che non sono certamente conformi al DSGVO, noyb.eu vuole garantire che i diritti delle persone interessate vengano fatti rispettare in tutta Europa. Dopo tutto, il DSGVO dovrebbe creare un quadro giuridico uniforme non solo per le imprese, ma anche per i cittadini.